Il classico a piè di pagina

Diciotto ‘strisce’ illustrate per altrettanti autori/opere (una sola autrice) della letteratura greca antica. La Zanichelli, per voce di Giuliana Gambari (che mi aveva seguito anche in una precedente epica avventura), mi ha chiesto di riempire e decorare lo spazio a piè di pagina nell’introduzione ai relativi capitoli di un’opera in tre volumi dal provocatorio titolo Con parole alate, ovviamente destinata ai licei classici.

Per riconoscere i primi tre autori – in realtà due opere ‘senza autore’ più l’autrice a cui accennavo sopra – non serve aver fatto il classico (è sufficiente esserne fuggiti a gambe levate per andare a spalare merda di mucca, come ho fatto io).




Riconoscere i restanti quindici, invece, è un po’ più difficile. L’elenco in ordine alfabetico può aiutare chi vorrà cimentarsi nell’accostare i nomi alle illustrazioni, che viceversa sono in ordine sparso.

Aristofane, Aristotele,
Demostene,
Erodoto, Eschilo, Esiodo, Euripide,
Iliade,
Lisia, Luciano,
Menandro,
Odissea,
Platone, Plutarco,
Saffo, Sofocle,
Teocrito, Tucidide.

Cliccare per ingrandire.














Come sempre accade per la raffigurazione di fatti, cose o persone, dovendo ridurre a icone e sussumere in ‘letteratura greca classica a colori’ una serie eterogenea di autori/opere, molta complessità va persa e si tende all’appiattimento, la banalizzazione, lo stereotipo. Il caso in oggetto non fa eccezione, principalmente a causa della mia ignoranza sulla storia dell’antichità, ‘classica’ o meno.

Non ci ho neanche provato, a evitare le trappole iconografiche stereotipanti della visione da maschio-ricco-occidentale che informa da sempre le istituzioni ‘educative’ come il liceo classico (tanto nessunə avrebbe apprezzato lo sforzo, posto che ne fossi stato capace: i libri di scuola sono fatti per essere odiati, per colorati che siano). Mi sono quindi attenuto a un approccio di mera decorazione della pagina e ci ho messo qualche bella figurina colorata lavorando solo sulla cornice dei contenuti, come peraltro mi veniva chiesto, cercando di non fare troppi danni.

Ma se alla prova dei fatti, sui banchi di scuola, nelle giovani menti ai ceppi, questi disegni risulteranno, se non gradevoli, almeno un poco appropriati, pertinenti e opportuni, lo devo all’autorevole competenza in materia di Giacomo Zuccon, tecnico delle scienze filologico-letterarie che mi ha fornito assistenza e consulenza costanti e fattive durante la lavorazione.

La civiltà greca fonda la storia letteraria, culturale e ideologica dell’Occidente.
[dalla presentazione online dell’opera]

Nessuno educa nessuno, e neppure sé stesso. Le persone si educano tra loro.
[Ivan Illich]

Un commento a · One thought onIl classico a piè di pagina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *