Arrivano i festival /1

Il Festival L’isola delle storie di Gavoi quest’anno vedrà i suoi vessilli cosparsi di vaghe sagome antropomorfe, zoomorfe e fitomorfe, con qualche elemento d’arredo.


L’elenco completo comprende:
5 lettori maschi in pose le più varie, uno con cappello;
5 lettrici femmine, una va di fretta, le altre assorte;
4 umani di sesso indefinibile, o qualcosa del genere;
2 bambini, entrambi di corsa ma lei sembra contenta, lui meno;
3 uccelli: uno in volo, uno su imbarcazione di fortuna, l’altro legge;
5 vegetali non edibili;
2 gatti di cui uno fuori forma;
un toro qualsiasi;
una martora lunga con il complesso della donnola;
un coniglio non Bianco;
una pecora (ma solo perché l’ha chiesta Maria Carmen);
un canide in piedi con libro di London, aperto;
un pesce di vario tipo;
un cetaceo che legge Melville*;
un gallo privo di spessore;
un centauro abbastanza flessibile;
una maschera sinistra, in basso a destra;
una sedia per sedersi, ma c’è il libro sopra;
una lampada per leggere al buio;
un caffè, ci vuole;
un vaso vuoto;
una corona inservibile;
un giovane eptapode, di profilo.
E poi sì, anche uno scoglio, un martello, un cappello e un’automobile che viaggia verso il sole con un’unica, piccola nuvoletta per un totale di 48 vaghe sagome in grigio-azzurro e libri rossi, su fondo bianco.

(*) Forse Moby Dick, forse nella nuova discussa traduzione, forse comprata a Sassari da Emiliano Longobardi, ma non si vede bene.


Come da tradizione, l’eccellente progetto grafico è di Sabina Era.

Cinema, cinema e cinema

Cinema a Cremona
Tapirulan, benemerita associazione di Cremona che si occupa di illustrazione e dintorni pubblicando libri, organizzando eventi e promuovendo autori, mi ha invitato a partecipare alla mostra intitolata 33T d’autore: i manifesti dei film di Ugo Tognazzi (se uscissero oggi).

Nell’ambito della rassegna Cremona per Ugo, che celebra il venticinquennale della scomparsa del grande attore, gloria cittadina e nazionale, Tapirulan “ha chiesto ad alcuni tra i più interessanti illustratori e grafici italiani” di rifare i manifesti di trentatrè dei film interpretati da Tognazzi.

A me, nonostante avessi chiesto La vita agra di Lizzani, è stato assegnato In nome del popolo italiano di Dino Risi.

Come si può vedere la lista dei partecipanti annovera gente bravissima e famosissima, più il sottoscritto.
Ringrazio Fabio e l’associazione per avermi invitato. La mostra sarà visitabile fino a gennaio.

Continue reading

Stupore a Park Avenue

Mariano Tomatis, instancabile wonder injector, scrittore e rigoroso storico della magia, nonché preclaro mago del popolo in performances ad alto contenuto di intelligenza, mi ha commissionato un’illustrazione per il manifesto della conferenza che ha tenuto venerdì 13 marzo a New York.

Continue reading